Conoscendo il designer dell’anno a Maison&Object gennaio 2018: Cecilie Manz!

«L’equilibrio che mantiene tra civiltà e natura è vitale per il suo processo creativo. »

Da bambina, Cecilie Manz ricorda che sarebbe sempre scappata nel laboratorio dei genitori, ceramisti, per affondare le mani nell’argilla…

Nel 1997, dopo aver preso il diploma in design alla Royal Danish Academy of Fine Arts, si trasferisce in Finlandia per una specializzazione, presso l’Università di Arte e Design di Helsinki. L’anno dopo, apre il suo studio a Copenhagen.

La base del suo processo creativo, sono il rapporto che mantiene con la natura e con la famiglia.

Nel 2014 ha ricevuto il premio della cultura della Danimarca , consegnato direttamente dal principe e dalla principessa del suo paese, per lei, è stato uno dei punti più significativi della sua carriera; attualmente è una delle figure più importante del design scandinavo.

UN DESIGNER VERSATILE

Il suo primo progetto, intitolato The Ladder – una scala che funge anche da sedia – è stato rapidamente prodotto da Nils Holger Moormann.

L’altro progetto importante per la sua carriera è stata la Lampada di Caravaggio (2005, con Lightyears). Di più che un bestseller: un longseller!

Innamorata delle sperimentazioni, Cecilie ha lavorato su progetti molto diversi come un divano, un minibar per uno spettacolo Wallpaper *, una serie di poltrone in legno, una collezione di tavoli e sedie da pranzo per Fritz Hansen, vasi di vetro e diversi modelli di Altoparlanti portatili per B&O Play – il marchio lanciato da Bang & Olufsen, con cui collabora dal 2014.

L’autunno scorso, Cecilie è stata spesso in Giappone, sia per la collaborazione con la società giapponese Actus Interior sul progetto Moku e anche come co-curatore della mostra “Everyday Life – Signs of Awareness” al 21st Century Museum of Contemporary Art Kanazawa in occasione del 150 ° anniversario del rapporto tra Giappone e Danimarca.

IL MINIMALISMO CALDO

Cecile ha un approccio, che riflette lo stile di vita dei paesi scandinavi, e, nel suo lavoro, è rappresentato attraverso un gioco sulle tonalità del grigio, associate a colori più luminosi.

Per lei il colore è un elemento fondamentale e, nelle primissime fasi di ogni progetto sviluppa una tavolozza specifica: è il suo modo per affermare l’identità di quel prodotto.

Il suo patrimonio culturale è anche evidente nel suo sforzo di spogliare le sue creazioni di qualsiasi elemento superfluo, concentrandosi sull’essenziale, e, la sua incessante ricerca di linee ordinate le presenta ogni volta una sfida .

A MAISON & OBJECT sono stati esposti gli ultimi risultati del suo lavoro: ha presentato prodotti già esistenti e altri nuovi in un’atmosfera calda e familiare .

LINK: http://www.ceciliemanz.com