Quando gli oggetti piccoli fanno veramente la differenza